Colori per arredare

colore-da-arredamento-casaI colori nei mobili si dividono in due categorie, i laccati e le tinte. Le tinte sono dei liquidi chimici o naturali a base di acqua, che impregnati nel legno lo colorano o lo laciano naturale se la tinta è trasparente. Le tinte esistono in tutti i colori ed anche fatte a campione, dal noce biondo al castagno, rovere moro, verde, azzurro ecc.. Le tinte impregnanti possono essere coprenti e semicoprenti, già con componente lucidante, o poi da rifinire con vernice trasparente lucida od opaca. Le tinte in alcuni mobili vengono rifinite con oli o cere naturali. Per arredare ci sono vari tecniche nell'applicazione delle tinte, l'anilina per esempio è una di queste, ma comunque tutte lasciano intravedere più o meno le venature ed essenza del legno. I laccati sono vernici che coprono le superfici e vengono impiegate su tutti i materiali: legno, vetro, metalli, plastiche, ecc.. Le laccature sono opache o lucide, lisce o porose, ed in tutti i colori anche fatte su ruchiesta a campione.

Per arredare i laccati vengono usati con vari tecniche tipo il decapè, pennellato, patinato ecc.. Per contenere i costi di gestione molte aziende produttrici di arredamento selezionano e propongono solo alcune versioni di colori e tecniche di veniciatura. Per arredare le pitture per pareti anch'esse hanno infinite varianti di colori, tecniche di utilizzo e tipi di sostanze con cui vengono create in modo chimico o naturale. Ci sono due categorie principali nelle pitture, e sono quelle per esterno o trattate per resistere a lavaggi ed agenti atmosferici, e quelle per interno più sensibili al contatto con liquidi e solidi. Sul discorso del naturale-ecologico e chimico, sulle vernici in generale c'è da dire che quelle fatte con sostanze più naturali tendono a degradarsi più velocemente, ma questo non significa che non debbano essere usate.